Modifica articolo
Martedì, 12 02 2019 10:19

LA DEPRESSIONE E I FIORI DI BACH

Scritto da

Secondo l’OMS, la depressione sarà entro 3 anni la seconda causa di invalidità nel mondo.

In psicopatologia, attualmente si definiscono otto tipi di depressione psichica. In questa sede non li elencheremo, è sufficiente ricordare che esistono disturbi depressivi maggiori, altri persistenti (associati spesso a personalità borderline), altri di tipo giovanile, premestruale, quelli indotti da farmaco o sostanze, da patologie organiche, depressioni brevi, depressioni senza specificazioni.

In tutti questi casi vengono prescritti farmaci particolari, tuttavia, nelle situazioni di depressione reattiva (non organica) un aiuto supplementare può essere dato dalle essenze floreali di Bach, oltre che dalla psicoterapia.

Ovviamente, quanto scritto può aiutarvi riguardo gli stati di lieve depressione e non ci si riferisce alla depressione di tipo endogeno.

Schematicamente, riferendosi ai fiori di Bach:

- Gentian: tristezza dovuta al dubitare, vittima dello scetticismo, diffidenza verso ciò che non è razionale.

- Gorse: delusione dopo sconfitte, non si vede possibilità, arrendevolezza.

- Mustard: depressione senza spiegazione razionale, si è avvolti in una nube oscura, lentezza nei movimenti, isolamento dalla vita sociale.

- Wild rose: rassegnazione, indifferenza, abbandono al destino.

- Larch: Scarsa autostima, eccessiva razionalità, timore dei conflitti.

I fiori di Bach sono essenze derivate da fiori e piante allo scopo di armonizzare le esperienze emozionali negative.

Grazie al gallese Edward Bach che all’inizio del ‘900 scoprì le virtù di queste risorse che la natura ci ha offerto, oggi abbiamo la possibilità di affiancare a farmaci per gli stati depressivi, dei principi energetici riequilibranti i malesseri psicologici che ci affliggono.

I fiori di Bach sono raccolti in piena fioritura a mano (da gennaio ad agosto) e collocati in contenitori di vetro riempiti di acqua di fonte.

Successivi procedimenti di estrazione ci permettono di avere a disposizione questi splendidi doni della natura.

Dr. Rudy Lanza

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.